San Michele si trova sull’appennino piacentino a quarantacinque chilometri da Piacenza. Lo si raggiunge facilmente seguendo le indicazioni Veleja, oppure Parco Provinciale. Percorrendo la strada della Valchero che da Carpaneto Piacentino ci accompagna fino al Passo dei Guselli (metri 924), superando progressivamente Velleia, la Villa di Velleia, Carignone, Villa del Monte, Cà Pianelli, si arriva nel centro climatico morfassino dell’Alta Valchero: San Michele di Morfasso. Il paese è situato ai piedi del monte Moria, più precisamente il monte che domina si chiama Cornetto, confinante con la rocca di Moria. Allargando lo sguardo è possibile ammirare la imponenza dei monti Obolo e Santa Franca e il paesaggio di prati e boschi nelle vicinanze del luogo e nella veduta del versante opposto della valle. Il paese gode anche di un ottima vista sulla Pianura Padana e parte dell’arco alpino, dalle alpi lombarde alle prime alpi venete. San Michele è posto a 680 metri sul livello del mare, dista 11 km da Morfasso, 24 da Carpaneto, 45 da Piacenza e in 10 minuti si sale fino al Parco del Monte Moria. Le principali frazioni sono: Chignoli, Rigolli, Bellini, Chiavarini, Oddi, Cà delle Donne, Malvisi. A ricordarci che la zona è soggetta a frane sono i rii Lubia e Lubietto (nascono dal monte dei Buglioli sulla costa che scende dalla Croce dei Segni). Il rio San Michele nasce nel bosco detto delle Strinate situato sul monte Moria. Lungo la strada che dalla frazione Chiavarini porta verso i Malvisi, è possibile trovare un piccolo laghetto palustre, già presente in vecchie foto del paese, dove si possono trovare ninfee e “màsa gàt”. Altro laghetto storico di San Michele è il “Lago dei Buiò”, situato sul monte Cappellotto, dove i nostri nonni portavano al pascolo il bestiame. Per trovare i vecchi castagneti bisogna risalire le pendici del monte Moria per arrivare nel bosco delle Strinate e del Cornetto e poi nel Parco del Monte Moria. Il comune di Morfasso è ubicato nel medio versante padano dell’Appennino Emiliano. L’appennino settentrionale è una catena orogenica strutturalmente complessa formatasi a partire dal Cretaceo superiore (superiore 60 milioni di anni fa) in seguito alla chiusura dell’oceano Ligure-Piemontese e alla susseguente collisione della placca europea con quella adriatica. Il comune di Morfasso è delimitato a Nord dal Monte Rocca di Moria, a Ovest dal torrente Chero, dal monte Santa Franca e dal monte Menegosa, ad Est dal torrente Arda e dai monti Corniale e Carameto, a Sud dall’altopiano del monte Lama e dalle cime ofiolitiche del monte Cravola e Groppo di Gora.